beni comuni from Euricse Network

beni comuni

Published on 13/11/2020by redazione

Comunità intraprendenti al Festival Resilienze

Il 26 novembre l’appuntamento online con Luciano Vanni di Civitates

Giovedì 26 novembre dalle 17 saremo ospiti del Festival Resilienze per parlare del nostro progetto Comunità Intraprendenti. Il webinar è inserito nel secondo atto del festival – quest’anno completamente online – dedicata al “Coltivare con cura“.

Resilienze Festival è un progetto ideato e prodotto da Kilowatt che vuole parlare di grandi trasformazioni planetarie mostrando le interazioni, i legami e le connessioni tra ambiente, società, economia e cultura, interrogando i linguaggi dell’arte per esplorare punti di vista alternativi.

All’evento parteciperanno Jacopo Sforzi, ricercatore Euricse, Cristina Burini, ricercatrice Euricse e Luciano Vanni, ideatore di Civitates, rete nazionale di comunità locali che condividono buone pratiche, strumenti tecnologici, esperienze di turismo culturale di comunità, progetti di rigenerazione urbana e nuovi modelli per uno sviluppo economico.

Registratevi qui per lo streaming

Per quanto riguarda il progetto “Comunità intraprendenti”, Euricse, con il contributo di Fondazione con il SudFondazione CRC, Fondosviluppo FVG Spa e ACI – Alleanza delle Cooperative Italiane, ha strutturato un percorso di ricerca con lo scopo di realizzare dei rapporti annuali dedicati a esplorare a fondo questo fenomeno.

Come si riconosce una comunità intraprendente? Scoprilo qui

Per rimanere sempre aggiornato sul progetto, segui la pagina Facebook dedicata.

Leggi tutto
Published on 13/05/2020by redazione

Imprese di comunità e beni comuni. Un fenomeno in evoluzione | Presentazione del nuovo rapporto di ricerca di Euricse

In questo nuovo periodo segnato da emergenze di tipo sanitario, ma anche sociale ed economico, è necessario avere a disposizione maggiore conoscenza di strumenti che possono aiutarci a superare crisi come questa.
Le imprese di comunità, di cui Euricse si occupa da più di dieci anni, sono proprio uno di questi strumenti. Le loro potenzialità di avviare nuovi processi di democrazia partecipativa e di innovazione locale basati sul diretto e attivo coinvolgimento dei cittadini possono infatti essere risposta per le future necessità sociali ed economiche dei territori.
L’indagine di Euricse, conclusa a gennaio 2020, si focalizza soprattutto sulle imprese di comunità nate tra la fine del 2017 e il 2019, con particolare attenzione alle tipologie di attività che esse svolgono. La ricerca vuole inoltre mostrare i nuovi modelli imprenditoriali messi in campo da queste realta’, rivolgendo l’attenzione ai loro processi generativi, alla loro capacità di favorire e promuovere il protagonismo dei cittadini nella coproduzione e co-gestione di beni e servizi, alle ricadute delle loro attività e del loro modo di operare sulle condizioni economiche e sociali del territorio, sia esso urbano o rurale.
Nel report, oltre ad una analisi quantitativa del fenomeno, sono presenti diversi casi studio scelti sulla base di una serie di elementi relativi alle peculiarità del loro processo generativo e al tipo di attività avviate.


Discuteremo del nuovo rapporto di ricerca “Imprese di comunità e beni comuni. Un fenomeno in evoluzione” con:
°Jacopo Sforzi (Euricse),
° Cristina Burini (PhD student | Università degli Studi di Perugia, Euricse),
° Antonio Brizioli (Edicola 518)
° Francesco Giangregorio (Cooperativa di Comunità Tralci di Vite)

Modera Francesco Erbani (giornalista).

Qui l’evento facebook.

Leggi tutto
Published on 22/10/2018by redazione

“Beni comuni, se arricchiti arricchiscono tutti”

Arena: “L’Italia è laboratorio. Con il Regolamento abbiamo intercettato un fenomeno in exploit”

 

Gregorio Arena sceglie una definizione efficace per rendere l’idea: “I beni comuni se arricchiti arricchiscono tutti, se impoveriti impoveriscono tutti”. Et voilà. Ecco restituito a pieno il senso ultimo di ciò che realmente rappresentano beni indispensabili all’esercizio di diritti fondamentali. “Come l’acqua, la biosfera, la biodiversità”, ci spiega ancora il docente. Già professore ordinario di diritto amministrativo all’Università di Trento, presidente di Labus-Laboratorio per la sussidiarietà, Arena da oltre quattro anni sta varcando le porte di decine e decine di città italiane che attraverso il Regolamento per l’amministrazione condivisa dei beni comuni stanno riscoprendo un rinato attivismo, un impegno osservato con attenzione nel resto d’Europa. Ma la gestione condivisa dei beni comuni è anche altro. “Dalla cura dei beni abbandonati – ricorda Arena – si possono generare opportunità sviluppo, nuova occupazione”. Ma servono competenze. Ed è qui che nasce Sibec, la prima Scuola italiana per la gestione dei beni comuni. Ed è qui, ancora, che s’innesta Sibec Lab, il corso intensivo che dal 17 al 20 ottobre, all’Oasi Dynamo, formerà professionisti, cittadini attivi o funzionari interessati (qui è possibile leggere il programma).

(altro…)

Leggi tutto
Published on 12/09/2018by redazione

“Oltre il business per generare valore sociale”

Serena Porcari (Fondazione Dynamo): “L’Oasi? Un bene privato che diventa comune”

 

L’incontro, teso e proteso alla definizione di una congiunzione ideale, era nell’aria da tempo. “Siamo espressioni diverse e complementari del Terzo settore – spiega Gianluca Salvatori, segretario generale di Euricse – Non ci accontentiamo di risposte scontate. Ci sforziamo di sperimentare percorsi nuovi”. Così è stato. Euricse, Labsus-Laboratorio per la sussidiarietà, che con l’Università di Trento hanno fondato SIBEC, e Dynamo Academy sono oggi fianco a fianco, simbolicamente e formalmente. Dal 17 al 20 ottobre, la collaborazione si tradurrà nel primo laboratorio intensivo dedicato alla gestione dei beni comuni. Si tratta di SIBEC Lab, un campus rivolto a funzionari, professionisti, imprese e cittadini attivi intenzionati ad affinare strumenti – teorici, pratici e manageriali insieme – utili per rigenerare spazi a rischio disuso. Tuttavia ancora fertili. Tuttavia ancora disponibili a essere restituiti alla collettività, arricchiti nel potenziale che poi sarà riversato sulla comunità. Ma non è tutto. A ospitare le lezioni di SIBEC Lab sarà un luogo che fa piena sintesi delle virtù contagiose della rigenerazione: l’Oasi Dynamo, proprietà di circa 1.200 ettari in ambiente preappenninico nel Comune di San Marcello Piteglio. “Un luogo in cui ogni giorno si praticano conservazione, ricerca e sostenibilità ambientale”, spiega Serena Porcari, amministratore delegato di Fondazione Dynamo, a cui fanno capo Dynamo Camp, Dynamo Academy e Oasi Dynamo. Ancora: ad amplificare la gettata positiva del percorso c’è la partnership con Dynamo Academy, in prima linea nella diffusione di un approccio orientato alla Corporate Philantropy. Perché – spiega Dynamo a questo proposito – “Saper guardare oltre il business significa proiettarsi verso una cultura orientata all’innovazione, scegliere un futuro comune e generare valore sociale”.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 03/09/2018by redazione

Beni comuni, ovvero la maieutica della responsabilità

Si dice beni comuni, ma si legge responsabilità, impegno civico, capacità di prendersi cura di ciò che appartiene a tutti. “In senso etico, prima che giuridico”, spiega Gianluca Salvatori. Il segretario generare di Euricse ci aiuta così a capire, da vicino e con una prospettiva più ampia, il senso pieno di una gestione condivisa di spazi – fisici ma al tempo stesso simbolici – capaci di generare inclusione sociale e occupazione. Capaci – ancora – di innestare processi d’innovazione, persino imprenditoriale. In una sola parola: generano opportunità. Ecco allora una piccola definizione di beni comuni, per avvicinarci a Sibec Lab (qui il programma) e fornire agli interessati tutti gli strumenti per capire di cosa stiamo parlando.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 29/08/2018by redazione

SIBEC LAB, corso intensivo per gestire i beni comuni

 

Quattro giorni di lezioni all’Oasi Dynamo. Il programma del campus

 

Quattro giorni di lezioni, sei tutor esperti, venti posti disponibili, altrettante idee che saranno analizzate, approfondite, presentate davanti a una giuria. E un metodo didattico basato sullo sviluppo delle competenze e sullo studio concreto dei lavori presentati dai corsisti.  Sono questi i numeri di SIBEC LAB, il nuovo corso intensivo – una vera e propria full immersion – ideato da Euricse e Labsus-Laboratorio per la sussidiarietà in collaborazione con Dynamo Academy e il supporto di Banca Etica. Il Campus è in agenda dal 17 al 20 ottobre 2018, all’Oasi Dynamo (San Marcello Piteglio, in provincia di Pistoia) e formerà amministratori, imprenditori, professionisti, cittadini attivi o associazioni interessate a sviluppare (e gestire) beni comuni che, se rigenerati, possono trovare nuova vita e tornare al servizio della collettività. Le iscrizioni sono aperte e si chiuderanno il 5 ottobre.

  (altro…)

Leggi tutto
Published on 16/07/2018by redazione

SIBEC LAB, aperte le iscrizioni per gestire i beni comuni

Quattro giorni di lezioni, sei tutor esperti, venti posti disponibili, altrettante idee che saranno analizzate, approfondite, presentate davanti a una giuria. E un metodo didattico basato sullo sviluppo delle competenze e sullo studio concreto dei lavori presentati dai corsisti.  Sono questi i numeri di SIBEC LAB, il nuovo corso intensivo – una vera e propria full immersion – ideato da Euricse e Labsus-Laboratorio per la sussidiarietà in collaborazione con Dynamo Academy e il supporto di Banca Etica. Il Campus è in agenda dal 19 al 22 settembre 2018, all’Oasi Dynamo (San Marcello Piteglio, in provincia di Pistoia) e formerà amministratori, imprenditori, professionisti, cittadini attivi o associazioni interessate a sviluppare (e gestire) beni comuni che, se rigenerati, possono trovare nuova vita e tornare al servizio della collettività. Le iscrizioni sono aperte e si chiuderanno il 7 settembre.

  (altro…)

Leggi tutto
Published on 09/07/2018by redazione

Beni comuni, torna SIBEC LAB

Nessuno è escluso. Amministratori pubblici, professionisti o imprenditori, cittadini, associazioni. Quando è di beni comuni che si sta parlando, ognuno concorre all’esito finale. Ognuno è parte di un processo. Ognuno ne è responsabile. Ognuno, ancora, è tassello imprescindibile di un mosaico. Ma prendersi cura di un patrimonio collettivo implica competenze, abilità di gestione. È per questo che SIBEC, la scuola italiana dei beni comuni ideata da Labsus, Euricse e Università degli Studi di Trento, s’indirizza alla comunità per amplificarne le potenzialità. Obiettivo: forgiare capacità abilitanti, formare alla gestione dei beni comuni, ossia tutti gli spazi pubblici, i servizi e gli edifici in stato di abbandono (o sottoutilizzo) che, attraverso il loro recupero, possono tornare a rendersi disponibili alla comunità. Quindi rinascere.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 10/05/2018by redazione

Gestione Condivisa dei Beni Comuni: Seminario SIBEC a Trento 29 maggio 2018

L’amministrazione condivisa dei beni comuni: Cos’è? Come si applica? Perché interessa le amministrazioni locali? Quale ruolo per il nonprofit e la società civile?

SIBEC apre le iscrizioni ad una giornata di approfondimento tra casi e soluzioni pratiche alla scoperta dei risvolti concreti e applicativi di temi quali la sussidiarietà, la partecipazione e l’amministrazione condivisa dei Beni Comuni.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 02/09/2017by redazione

Orto come bene comune

Fino al 15 settembre sono aperte le iscrizioni al laboratorio “Orto come bene comune: tra territorio e comunità”, un percorso di quattro incontri per un progetto partecipato di orto comunitario. (altro…)

Leggi tutto
Published on 21/06/2017by redazione

SIBEC, ultima puntata a ExFadda

Si è appena chiusa la seconda edizione di SIBEC – Scuola Italiana Beni Comuni: passando per Torino, Forte Marghera e Siena, per l’ultimo modulo, dal 15 al 17 giugno, i corsisti sono stati impegnati nella presentazione dei loro project work, immersi nell’esperienza unica di ExFadda, a San Vito dei Normanni (BR).

Valle D’Aosta, Trentino, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Campania: sono le regioni di provenienza dei corsisti di questa seconda edizione SIBEC, appena conclusa. E nella maggior parte dei casi, i loro progetti di cura e gestione condivisa, presentati e discussi nel corso della tre giorni pugliese, riguardano beni comuni individuati nel loro territorio di riferimento: risorse latenti da far emergere, spazi pubblici da ripensare, nuovi processi e alleanze inedite da innescare, per generare impatto e valore condiviso. (altro…)

Leggi tutto
Published on 09/05/2017by redazione

SIBEC tra le contrade di Siena per la terza puntata

Dall’11 al 13 maggio SIBEC farà tappa a Siena, una città-laboratorio dove si stanno sperimentando straordinari inneschi nella gestione dei beni comuni: tra antiche tradizioni comunitarie e nuovi paradigmi amministrativi.

Tema centrale di questo terzo modulo, l’attivazione e la valorizzazione delle risorse, finanziarie ma anche comunitarie, materiali ma anche immateriali.

Quali sono i “vantaggi competitivi” dei beni comuni? Come mappare le possibili fonti di finanziamento? Come attivare le risorse latenti già presenti nella comunità? Intrecciando i tradizionali “business plan” con un moderno ed efficace “lavoro di comunità” si applicheranno ai beni comuni e ai processi collettivi che li sostengono alcuni strumenti innovativi della finanza e del fundraising. (altro…)

Leggi tutto