Published on19/07/2016by: redazione

Le novità del World Co-operative Monitor report 2016

Il World Co-operative Monitor Report, arrivato quest’anno alla sua quinta edizione, sarà presentato da Gianluca Salvatori l’11 ottobre 2016 a Quebec City (Canada) in occasione dell’International Summit of Cooperatives. Il rapporto presenta i risultati della ricerca dell’impatto sociale ed economico delle cooperative e mutue più grandi al mondo.


Team2Attualmente il team di ricerca composto da Chiara Carini, Ilana Gotz, e Stefania Turri sta svolgendo le ultime analisi sui dati raccolti e sta elaborando le classifiche conclusive. Anche quest’anno abbiamo raccolto i dati
 con due modalità: attraverso questionari compilati direttamente da cooperative e mutue di tutto il mondo; e tramite database esistenti, liste nazionali e settoriali. Per questo motivo siamo molto grati a tutti coloro che hanno partecipato al Report 2016 rispondendo al questionario, un ringraziamento speciale va a “Sistema OCB per aver incoraggiato oltre 50 cooperative brasiliane a partecipare alla nostra indagine.

All’interno del report 2016 potrete trovare un approfondimento sulle cooperative di consumo attive nel settore della vendita all’ingrosso e al dettaglio. Consumer Co-operatives Worldwide (CCW) collabora con il team di ricerca del Monitor per raccogliere informazioni e presentare casi studio e dati che aiutino ad approfondire la conoscenza di questo settore e del suo impatto. Tuttavia la novità più importante di questa edizione riguarda l’introduzione di un capitolo sul capitale delle cooperative, prodotto con il contributo scientifico di Flavio Bazzana dell’Università di Trento. Il lavoro si basa sull’indagine Survey on Co-operative Capital, commissionata dalla Blue Ribbon Commission dell’International Cooperative Alliance e condotta dall’istituto di ricerca Filene (curata da A. Michael Andrews). Il focus della ricerca sul capitale consiste in un’analisi, basata su dati economico-finanziari relativi al 2014, delle organizzazioni (cooperative, mutue e aziende controllate da cooperative) che si sono classificate tra le Top 300 nell’edizione 2016 del World Cooperative Monitor. L’analisi si concentra su attività, passività e aspetti patrimoniali delle intervistate, tenendo in considerazione le diverse strutture organizzative proprie del settore bancario, assicurativo e degli altri settori di attività.

Il World Co-operative Monitor è un’iniziativa promossa da ICA con il supporto tecnico e scientifico di Euricse.

Per avere più informazioni riguardo al progetto di ricerca World Cooperative Monitor è possibile visitare la pagina dedicata sul sito di Euricse.

Tag
statistiche