Io sono socio di una banca di credito cooperativo: partecipazione economica, societaria e ideologica

Aree di ricerca: Teoria Economica
Coordinatore scientifico: Sara Depedri
Project Manager: Sara Depedri

Stato del progetto: concluso

Descrizione

La comprensione delle motivazioni che spingono le persone a ricoprire un ruolo attivo all’interno delle organizzazioni che nascono dal basso è sicuramente un elemento cruciale poiché spiega la volontà di aggregazione delle persone, la capacità del meccanismo cooperativo di prevalere sulle dinamiche individualistiche e di mercato, nonché le possibili ricadute sull’organizzazione stessa e sulle sue performance. Il presente progetto di ricerca si è inserito in questa riflessione avendo come oggetto di studio le motivazioni e le percezioni dei soci di una specifica forma organizzativa: la cooperativa di credito. La ricerca è stata sostenuta anche da una esplicita volontà di alcune banche di credito cooperativo di comprendere punti di forza e di debolezza del proprio rapporto con il socio e capacità della BCC di incentivare alla partecipazione, trasmettere valori e farsi percepire come banca diversa, del territorio e dei suoi soci.

La ricerca è partita quindi dall’assunto che essere una banca che coinvolge la comunità locale nella propria base sociale e che pone al centro della propria attività il cliente, richiede di essere il più possibile vicini al socio non solo con la propria offerta di servizi, ma anche interpretando la sua domanda e responsabilizzandosi rispetto alle sue aspettative, alle sue percezioni, ai suoi bisogni di coinvolgimento. Alla luce di questa riflessione, sono stati prima costruiti ad hoc ma con validità scientifica e poi somministrati questionari ai soci di varie banche di credito cooperativo, restituendo a ciascuna report di indagine.

Obiettivi

Obiettivo della ricerca era quello di comprendere la relazione tra la banca di credito cooperativo ed i suoi soci, guardando a quelli che sono elementi fondamentali dello scambio: la partecipazione economica; la partecipazione proprietaria e la partecipazione ideologica, intesa come condivisione dei valori e identificazione della rilevanza sociale della cooperativa, nonchè elemento fondamentale anche nella definizione del commitment alla cooperativa, della fedeltà, della fiducia.

L’analisi di queste percezioni per un campione rappresentativo di soci e per più banche di credito cooperativo a livello regionale, ma anche in altri territori ha permesso anche di rispondere ad obiettivi di  riflessione generale sulle politiche gestionali e di governance delle Banche di credito cooperativo e sul rapporto con i soci, permettendo anche alle singole organizzazioni coinvolte di comprendere la qualità delle relazioni con il socio, i suoi punti di forza e di debolezza e la capacità delle politiche interne di soddisfare, fidelizzare, trasmettere valori.

Risultati principali

Il questionario di rilevazione, scientificamente validato, rivolto ai soci è stato somministrato a 11 Banche di credito cooperativo di diversa dimensione, intervistando campioni di soci, per un totale di oltre 4000 soci.

Le interviste hanno messo in luce alcuni elementi positivi comuni nelle banche di credito cooperative aderenti: la capacità di attrarre e motivare anche i giovani, la percezione della banca di credito cooperativo primariamente come banca del proprio territorio, la soddisfazione sia per il servizio che per il rapporto associativo in senso lato, la rilevanza delle relazioni con i dipendenti e della fiducia nei confronti della banca, il forte legame tra partecipazione proprietaria e ideologica. I risultati non sono tuttavia scontati e numerose sono le differenze che emergono in una lettura approfondita dei dati. Differenze tra tipologie di soci, innanzitutto, con diversi livelli di fedeltà e percezioni di soci giovani e presenti da più tempo nella base sociale, con differenze tra zone di competenza e tra soci attivi e non. Ma le differenze emergono anche in base alle politiche condotte dalla banche analizzate nei confronti dei soci, talvolta più mirate alla componente e alla fidelizzazione economica, talvolta più focalizzate sulla dimensione sociale dell’attività. Differenze tra banche con dimensione diversa e in territori diversi, ma tuttavia non così accentuate da far presumere che diversa dislocazione o crescita dimensionale possano compromettere a priori la bontà del rapporto con il proprio socio.

Il presente progetto di ricerca si colloca nella riflessione scientifica generale sul ruolo delle cooperative e delle imprese sociali e delle analisi empiriche volte a testarle. Il progetto generale ha l’obiettivo di elaborare interpretazioni innovative del ruolo delle imprese cooperative e sociali, basandosi in particolare sull’analisi delle organizzazioni come mix in cui il meccanismo di coordinamento della cooperazione rappresenta elemento centrale e istitutivo di possibili vantaggi comparati nel rapportarsi con i soci e generare comportamenti cooperativi tra gli stessi. La presente ricerca è quindi stata uno degli elementi di approfondimento del progetto di ricerca:

Per una teoria economica dell’impresa cooperativa e sociale e la comprensione del ruolo e delle potenzialità di queste imprese

Allo stesso progetto di ricerca sono collegate le altre ricerche, aventi il comune obiettivo di verificare caratteristiche e rationale delle imprese cooperative e sociali e del rapporto con i propri soci:

Partecipazione sociale e volontari attivi: analisi degli aspetti motivazionali tra i soci di Ancc-COOP;

Sfaccettature di partecipazione e di socialità nelle cooperative di consumo trentine

Pubblicazioni

Report interni riservati per ciascuna banca di credito cooperativo aderente al progetto.

Partner

Alcune Banche di credito cooperativo

Ultime pubblicazioni

Articoli correlati