News from Euricse Network

News from Euricse Network

Published on 17/10/2018by redazione

Comitato di Gestione Euricse, designati i componenti

Otto nomine, rinnovato anche il mandato a Borzaga

(altro…)

Leggi tutto
Published on 11/10/2018by redazione

Non profit, l’indagine Istat. “Settore in espansione”

Nel 2016 in Italia attive 343.432 realtà con 812.706 dipendenti

Cooperazione, in arrivo anche il rapporto curato da Euricse

 

I numeri fotografano una vivacità crescente, progressiva, costante. Per dirla con le parole utilizzate dall’Istat: il non profit “è un settore che continua a espandersi nel tempo”. A un anno dalla pubblicazione del primo “Censimento permanente delle istituzioni non profit”, l’Istituto nazionale di statistica ha diffuso in mattinata le stime aggiornate al 2016 sulla consistenza e le principali caratteristiche strutturali del segmento. Non solo: nello studio sono inclusi alcuni dati che verranno approfonditi nel rapporto Istat, questa volta curato dai ricercatori di Euricse, in uscita entro fine anno e dedicato al sistema cooperativo italiano.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 26/09/2018by redazione

“Beni comuni, se arricchiti arricchiscono tutti”

Arena: “L’Italia è laboratorio. Con il Regolamento abbiamo intercettato un fenomeno in exploit”

 

Gregorio Arena sceglie una definizione efficace per rendere l’idea: “I beni comuni se arricchiti arricchiscono tutti, se impoveriti impoveriscono tutti”. Et voilà. Ecco restituito a pieno il senso ultimo di ciò che realmente rappresentano beni indispensabili all’esercizio di diritti fondamentali. “Come l’acqua, la biosfera, la biodiversità”, ci spiega ancora il docente. Già professore ordinario di diritto amministrativo all’Università di Trento, presidente di Labus-Laboratorio per la sussidiarietà, Arena da oltre quattro anni sta varcando le porte di decine e decine di città italiane che attraverso il Regolamento per l’amministrazione condivisa dei beni comuni stanno riscoprendo un rinato attivismo, un impegno osservato con attenzione nel resto d’Europa. Ma la gestione condivisa dei beni comuni è anche altro. “Dalla cura dei beni abbandonati – ricorda Arena – si possono generare opportunità sviluppo, nuova occupazione”. Ma servono competenze. Ed è qui che nasce Sibec, la prima Scuola italiana per la gestione dei beni comuni. Ed è qui, ancora, che s’innesta Sibec Lab, il corso intensivo che dal 17 al 20 ottobre, all’Oasi Dynamo, formerà professionisti, cittadini attivi o funzionari interessati (qui è possibile leggere il programma).

(altro…)

Leggi tutto
Published on 24/09/2018by redazione

Master GIS, dopo sei mesi l’87% dei corsisti trova un lavoro

I numeri del placement. Entro il 10 ottobre le nuove iscrizioni

 

E’ considerato metro e misura per quantificare l’impatto di un percorso accademico e, quando i numeri sono positivi, la voce placement si rivela fonte d’orgoglio. Significa che gli studenti formati sono pronti er rispondere a fabbisogni reali. È il caso del Master GIS, il Master Universitario in Gestione di Imprese Sociali arrivato alle porte della sua XXIII edizione. Un percorso che anno dopo anno ha formato e accompagnato nel mondo del lavoro centinaia di giovani. Un dato su tutti: l’87% dei corsisti trova un’occupazione coerente con il profilo formato al corso. Quando? Subito: tra i sei e i dodici mesi successivi alla conclusione.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 20/09/2018by redazione

“Welfare, la relazione pubblico-privato sarà centrale”

Borzaga: “Ma attenzione a non seguire solo logiche di mercato”

 

Bisogni che cambiano, che si mostrano, che si lasciano intravedere prima ancora d’essere pienamente manifesti. E risposte che seguono nuove traiettorie, anticipando ciò che sarà, e ridefinendo un welfare nuovo e plurale. “Ma anche in futuro il rapporto pubblico-privato resterà centrale”, rimarca Carlo Borzaga, presidente di Euricse. Con un avvertimento: “Ciò che conta è che un welfare che sia plurale non venga spinto a rispondere meramente alle leggi di mercato”.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 14/09/2018by redazione

“Da Social street a Social state: non accontentiamoci più”

Salvatori al WIS: “Il Terzo settore torni a essere motore di cambiamento sociale e politico”

Quella di Gianluca Salvatori, alla fine, è un’esortazione accorata. Un appello rivolto al Terzo Settore nel suo insieme, affinché superi i confini minuti della piccola scala e ambisca piuttosto a elevare la propria azione di elaborazione, progettazione e innovazione al centro del dibattito, verso un cambiamento collettivo, sociale e politico insieme. Scrollandosi di dosso la rassegnazione, l’assuefazione alla posizione laterale. “E accettando, così, di occuparci non più e non solo di Social street, ma di Social state”, sintetizza il segretario generale di Euricse. Un moto di responsabilità che, nelle parole di Salvatori, si emancipa dalla tendenza, emersa negli ultimi decenni, “che rischia altrimenti di mettere in sordina le capacità di un movimento”.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 13/09/2018by redazione

Quando la ricerca si fa dentro le imprese sociali

Bodini al Workshop WIS: “Ricerca e sviluppo, investimenti in crescita”

 

La trasformazione in atto è presto sintetizzata: dalla ricerca sull’impresa sociale s’è arrivati alla ricerca dentro l’impresa sociale. Una variazione lessicale che rende sostanziale il cambiamento in corso e che traduce la spinta crescente, attualissima, verso l’innovazione, di processi e di prodotti insieme. Un’attenzione che le imprese sociali – grandi o piccole che siano – manifestano amplificando la spesa dedicata alla voce “ricerca e sviluppo” nonché dotandosi di uffici interni dedicati e specializzati. Dalla ricerca sull’impresa sociale alla ricerca nell’impresa sociale, per l’appunto.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 12/09/2018by redazione

“Oltre il business per generare valore sociale”

Serena Porcari (Fondazione Dynamo): “L’Oasi? Un bene privato che diventa comune”

 

L’incontro, teso e proteso alla definizione di una congiunzione ideale, era nell’aria da tempo. “Siamo espressioni diverse e complementari del Terzo settore – spiega Gianluca Salvatori, segretario generale di Euricse – Non ci accontentiamo di risposte scontate. Ci sforziamo di sperimentare percorsi nuovi”. Così è stato. Euricse, Labsus-Laboratorio per la sussidiarietà, che con l’Università di Trento hanno fondato SIBEC, e Dynamo Academy sono oggi fianco a fianco, simbolicamente e formalmente. Dal 17 al 20 ottobre, la collaborazione si tradurrà nel primo laboratorio intensivo dedicato alla gestione dei beni comuni. Si tratta di SIBEC Lab, un campus rivolto a funzionari, professionisti, imprese e cittadini attivi intenzionati ad affinare strumenti – teorici, pratici e manageriali insieme – utili per rigenerare spazi a rischio disuso. Tuttavia ancora fertili. Tuttavia ancora disponibili a essere restituiti alla collettività, arricchiti nel potenziale che poi sarà riversato sulla comunità. Ma non è tutto. A ospitare le lezioni di SIBEC Lab sarà un luogo che fa piena sintesi delle virtù contagiose della rigenerazione: l’Oasi Dynamo, proprietà di circa 1.200 ettari in ambiente preappenninico nel Comune di San Marcello Piteglio. “Un luogo in cui ogni giorno si praticano conservazione, ricerca e sostenibilità ambientale”, spiega Serena Porcari, amministratore delegato di Fondazione Dynamo, a cui fanno capo Dynamo Camp, Dynamo Academy e Oasi Dynamo. Ancora: ad amplificare la gettata positiva del percorso c’è la partnership con Dynamo Academy, in prima linea nella diffusione di un approccio orientato alla Corporate Philantropy. Perché – spiega Dynamo a questo proposito – “Saper guardare oltre il business significa proiettarsi verso una cultura orientata all’innovazione, scegliere un futuro comune e generare valore sociale”.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 30/08/2018by redazione

Master GIS: 7 borse di studio INPS (11 quelle totali) e placement all’87%

L’INPS promuove con forza l’alta formazione sui temi del benessere collettivo e della sostenibilità. Lo fa attraverso la copertura totale delle spese di iscrizione al Master Universitario in Gestione di Imprese Sociali (GIS) per sette neolaureati/e, figli o orfani di dipendenti e pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, dei pensionati utenti della Gestione dipendenti pubblici. Il bando per richiedere il contributo è già online. Ma non è tutto: le borse di studio complessive a disposizione del Master GIS sono in totale 11 (7 da INPS, una da Euricse e 3 contributi per i tirocini), a fronte di 25 iscritti che saranno selezionati. Ad aspettarli un percorso formativo pensato per futuri manager del sociale. Le ricadute occupazionali? L’87% degli ex corsisti trova un impiego coerente entro 6-12 mesi dal diploma.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 10/08/2018by redazione

GIS, una guida per conoscere il Master

 

L’anno accademico 2018/2019 è ormai vicino. Sono formalmente aperte le iscrizioni per partecipare all’edizione XXIII del Master GIS, il Master Universitario in Gestione di Imprese Sociali, ed entro il 10 ottobre i candidati dovranno inviare tutti i documenti necessari all’iscrizione tramite l’application online. Ma per chi ancora non conosce il Master, c’è tempo per approfondire temi, piano formativo, obiettivi generali, ricadute occupazionali e per conoscere i destinatari del corso. Per sciogliere ogni dubbio – e anticipare ogni richiesta – ecco di seguito una guida completa con tutte le informazioni utili. Perché a ogni domanda c’è una risposta.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 08/08/2018by redazione

Euricse, da Trento al mondo

 

La nascita di Euricse, i traguardi della fondazione nei suoi primi dieci anni di attività, i temi di oggi e le sfide future. Il mensile della Federazione Trentina della Cooperazione ha intervistato Carlo Borzaga, presidente di Euricse. Una conversazione a tutto tondo (anche) sui problemi trentini, dai Sieg alle cooperative di comunità, dalla riforma del Terzo Settore alla gestione dei lavoratori svantaggiati.

(altro…)

Leggi tutto
Published on 27/07/2018by redazione

Master GIS, corsisti da tutta Italia (e non solo)

È considerato uno degli indicatori più rilevanti per monitorare l’efficacia di un percorso formativo: la provenienza degli studenti. Il motivo è presto detto: quando i corsisti arrivano da lontano, lo fanno perché investono nella propria istruzione, scegliendo una destinazione meno vicina tuttavia meritevole d’essere premiata rispetto ad altre soluzioni di prossimità. E per GIS, il Master Universitario in Gestione di Imprese Sociali arrivato alle porte della sua XXIII edizione, la provenienza dei propri ex corsisti è fonte di soddisfazione: più della metà degli iscritti, precisamente il 54,7%, è considerato fuori sede, ovvero arriva in Trentino da altri territori. Il GIS, in altri termini, prepara manager del sociale pronti a spendersi in tutto il Paese.

(altro…)

Leggi tutto